Screening gratuito per la valutazione dell’appoggio del piede e dello schema corporeo nel bambino su base strumentale

29 dicembre 2017

SMS Servizi Medici Sostenibili

18 settembre 2018
Show all
Lo sport è caratterizzato, purtroppo e soprattutto negli ultimi anni, da casi di morte cardiaca improvvisa sui campi di gara. Anche di recente i notiziari ci hanno reso partecipi di alcuni incidenti di questo tipo, tra giovani professionisti, sia del calcio, che del nuoto, che della pallavolo e altri sport. Quando accadono queste disgrazie si cerca il motivo, il perché, in particolar modo quando i protagonisti sono dei giovani sportivi sempre sotto controllo medico, che dovrebbero essere tutelati almeno da questo punto di vista. In realtà non è così. La morte cardiaca improvvisa è dovuta, in larga parte, a cardiomiopatie o anomalie cardiache silenti, su base genetica, che possono affiorare improvvisamente, spesso in occasione del gesto sportivo, causando l’evento drammatico. Lo sport non è la causa, ma un trigger su una cardiopatia sottostante.

Su indicazione e con la collaborazione di alcuni consiglieri della Società Italiana di Cardiologia dello Sport, che ci onora del Suo prezioso Patrocinio, è nostra intenzione sottoporre a valutazione elettrocardiografica tutta la popolazione scolastica del primo anno della scuola secondaria di 2° grado della Città di Fabriano, che comprende anche i giovani che non praticano ufficialmente attività sportiva e perciò non sempre sottoposti a controlli medici.
Prima di tutto va premesso che un test di screening non deve essere necessariamente diagnostico, ma ha solo lo scopo di individuare nell’ambito della popolazione generale i soggetti che hanno una più elevata probabilità di essere affetti da una patologia (più frequentemente una cardiomiopatia eredo - familiare cioè a trasmissione genetica) distinguendoli da quelli con una bassa probabilità.

In questa accezione, in fondo la più corretta, specialmente in quell’epoca della vita vulnerabile che è intorno ai 14 anni, partendo da una popolazione di circa 400 studenti del primo anno di scuole superiori, potremmo selezionare gli adolescenti più a rischio; all’uopo lo screening contemplerà:
Nelle scuole eseguiremo un elettrocardiogramma a 12 derivazioni (effettuato da un operatore sanitario addestrato tecnicamente ad eseguirlo secondo una modalità standardizzata) e refertato dai Dott.ri Contursi Maurizio e Santomauro Vincenzo della Società Italiana di Cardiologia dello Sport.

La compilazione di un questionario anamnestico a cura dei genitori del minorenne, che ovviamente dovranno autorizzare la partecipazione dello stesso allo screening, per una raccolta di dati clinici di quest’ultimo e dei familiari di 1° grado.
 
 
 
Rea
Rea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *